La Storia

MenùContatti
La vera trattoria

La Raibetta: la più antica tra le trattorie genovesi

Cercando la più antica e storica tra le trattorie genovesi, troverete sicuramente la Trattoria della Raibetta, un luogo dove storia, cultura del cibo e tradizione tipica delle trattorie genovesi e quindi delle trattorie di porto, ne fanno praticamente un’attrazione di Genova. Le trattorie genovesi infatti sono un qualcosa di unico nel panorama della ristorazione, sicuramente assimilabili al concetto di ristorante, ma con la tipicità di un ambiente molto più che amichevole, quasi familiare.

Il concetto che il genovese non sia tra le persone più accoglienti, ha sicuramente un fondo di verità, ma allo stesso tempo cela quell’ironia, quella pigrizia e quel senso dell’umorismo che nelle trattorie genovesi non farete fatica a trovare. Ecco, la Raibetta, tra le colonne storiche della sala principale e quell’andi che Maurizio saprà mostrarvi (l’andi è appunto questo modo di essere, più che di fare), saprà farvi respirare quella genovesità che solo nelle vere trattorie genovesi potrete trovare!

Arrivando a Genova vedrai una città imperiosa,
coronata da aspre montagne,
superba per uomini e per mura,
signora del mare.

(Francesco Petrarca)

la storia di genova

La storia della Raibetta: un ristorante di Genova centenario

Una volta non c’era differenza: un ristorante di Genova, una trattoria, un’osteria. Insomma, tutto andava bene per chiamare un posto dove si cucinava, ci si sedeva, ci si ristorava. E quando diciamo una volta significa molto tempo fa, almeno 300 anni. Nel 1700, davvero non sappiamo l’anno esatto, nasceva un ristorante di Genova che prendeva il nome dal quartiere in cui si trovava, Raibetta appunto.

La storia racconta infatti che vicino a palazzo San Giorgio, storico palazzo nel cuore di Genova, esisteva un mercato famoso per la vendita di cereali, tra cui la biada, cibo per i cavalli. Palazzo San Giorgio, in prossimità del porto antico, era frequentato da marinai, che spesso incontravano qualche retaggio dialettico degli invasori precedenti, i cosiddetti Mori, o Saraceni, culture di cui Genova è intrisa. Proprio in moresco Raiba significava “repertorio di biade”, per indicare propri ola vasta scelta che si incontrava di quel cereale. Poco più a levante, tra carruggi e portici, esisteva un mercato più piccolo di legumi, simile a quello di Palazzo San Giorgio. Per assonanza, e per rispetto del mercato più grande il quartiere, ora conosciuto come l’incrocio tra Canneto il lungo e Canneto il curto, si chiamò Raibetta. Da qui l’omonima e attuale Trattoria della Raibetta.

Non ci basta però. Qui lasciamo una piccola curiosità, che sveleremo solo quando verrete a trovarci: il soffitto della Raibetta è solo per metà di mattoni, ognuno dei quali racchiude la storia delle trattorie genovesi. Ma sapete perché l’altra metà di soffitto è diversa? Dai, venite a trovarci, e davanti a un buon bicchiere di vino, ve lo racconteremo!

Orari

MARTEDÌ – DOMENICA
12:00 – 14:30
19:30 – 22:30

LUNEDÌ
chiuso

Indirizzo

Vico Caprettari, 12r, 16123 Genova GE

Numero di Telefono

010 246 8877

Prenota un Tavolo